Home > Sport, Uncategorized > Punto Basket – Speciale Playoff NBA

Punto Basket – Speciale Playoff NBA

Archiviato il primo turno di post-season, già qualche verdetto è stato emesso. Il più clamoroso è senz’altro l’uscita di scena dei San Antonio Spurs, migliore record ad Ovest, per mano dei semi-sconosciuti Memphis Grizzlies. I ragazzi di Gregg Popovich hanno infatti incassato un netto 4-2 dalla franchigia del Tennessee, segno del fatto che la celebre dynasty, che ha portato alla città texana ben quattro titoli NBA, sembra avviata sul viale del tramonto: la faccia che dice più di tutto a questo proposito è quella di Tim Duncan, che ha fatto registrare le peggiori prestazioni della carriera in post season per media punti e rimbalzi. Le soprese, però, potrebbero non essere finite qui. Nelle righe che seguono, una panoramica sulle semis che si giocheranno nei prossimi giorni, con un personalissimo pronostico per ognuna di esse. Partiamo proprio da quella che vedrà impegnati i mattatori degli Spurs.

Oklahoma City Thunder – Memphis Grizzlies A nulla sono valsi i tentativi di Tony Parker e Manu Ginobili, per superare una Memphis senza grandi nomi, ma dotata di grande freschezza e dell’incoscienza della gioventù. Uno dei maggiori artefici della vittoria sugli Spurs, nonché della favolosa stagione della squadra di coach Hollins fino a questo momento, è senz’altro Zach Randolph, che a trent’anni sembra aver finalmente messo la testa a posto, e che ha sfornato la migliore stagione della carriera. Non bisogna però dimenticare un manipolo di giovani in rampa di lancio come Mayo, Gasol (piccolo), Conley e Vasquez, oltre ai più esperti Powe, Allen e Battier. In semifinale di Conference incontreranno i Thunder di Oklahoma City, altra squadra ricca di giovani scalpitanti come Durant (miglior marcatore della regular season) Harden, Ibaka, Westbrook e Sefolosha. A questi si è unito anche Kendrick Perkins, centro ex Celtics già vincitore di un titolo NBA. Il pronostico è a favore dei Thunder, sulla base di quanto fatto vedere da ottobre ad oggi; ma sulla carta anche gli Spurs erano superiori ai Grizzlies, per cui è lecito aspettarsi di tutto da questa serie, specie se i compaesani di Elvis potranno contare sulla spinta di un FedEx Forum che mai aveva visto tanta affluenza di pubblico come in questi giorni. Ciò che è sicuro è che, e siamo pronti a scommetterci, queste due squadre nel giro di qualche anno potranno competere stabilmente per le pù alte posizioni della Western. Pronostico: Thunder

Los Angeles Lakers – Dallas Mavericks I campioni in carica sono reduci da un’annata strana, fatta di alti e bassi. Rispetto all’anno passato, l’impianto è lo stesso e la panchina è più lunga, tuttavia il record è peggiorato, assieme alle prestazioni dei singoli, in particolare Gasol (grande) e Artest. Restano comunque i favoriti per questa serie e per la supremazia a Ovest. La marcia in più potrebbe giungere da Phil Jackson, che già da un po’ ha finito le dita in cui infilare anelli, ma che ha fatto capire che potrebbe abbandonare il basket a fine stagione. C’è quindi da scommettere che Kobe Bryant e i suoi daranno l’anima per fare questo (possibile) regalo d’addio allo storico coach. Di fronte a sé incontreranno però Dallas, da diversi anni presenza fissa nei playoff. Marion, Terry, Chandler, Butler e Barea, oltre che l’inossidabile Kidd e l’All-Star Nowitzki (miglior talento europeo degli ultimi anni) sono le carte a disposizione di coach Carlisle per tentare di mettere in difficoltà i Lakers. Dovessero vincere la serie, i Mavericks avrebbero la seria possibilità di accedere alle Finals, dove sono già stati nel 2006, per poi clamorosamente perdere dopo essere stati avanti 2 a 0 contro Miami. Pronostico: Lakers

Chicago Bulls – Atlanta Hawks Un uomo solo al comando: Derrick Rose. Da lui dipenderanno le sorti dei Tori. Se le sue prestazioni rimarranno sui livelli della stagione regolare, la squadra di Thibodeau dovrebbe aver facilmente ragione degli Atlanta Hawks, e a quel punto potrebbe sognare la finale NBA, da guadagnare contro la vincente fra Boston e Miami. Ma per il momento c’è da pensare alla semifinale, in cui incontreranno gli Hawks, che un po’ a sorpresa hanno sconfitto i peggiori Orlando Magic degli ultimi anni. Le possibilità di Atlanta sono affidate alla classe di Joe Johnson, apparso comunque in calo rispetto alla stagione passata, e all’esplosività di Al Horford e Josh Smith. Attenzione, inoltre, al contributo dalla panchina di Jamal Crawford, per distacco migliore dei suoi nella serie contro Orlando. Pronostico: Bulls

Boston Celtics – Miami Heat Probabilmente la semifinale più equilibrata. Sicuramente, la più spettacolare. Bulls permettendo, qui ci si gioca la supremazia a Est. I Verdi del Massacchussets, che hanno spazzato via New York, sono gli stessi che hanno vinto il titolo nel 2008: i big three che poi sono diventati big four con l’aggiunta del miglior play in circolazione, Rajon Rondo. Nonostante abbiano subito una mini rivoluzione, con la partenza a metà stagione di Perkins e l’arrivo di Jermaine O’Neal nel ruolo di pivot, la difesa è la migliore della NBA, con 81 punti concessi a partita. L’unica cosa da verificare sarà la tenuta fisica dei “vecchi”. Se sarà ottimale, i Celtics potrebbero aggiudicarsi il titolo di Conference per poi incontrare i rivali di sempre (i Lakers) nella più classica delle Finali. Dall’altro lato, ci sono però altri tre big, che compongono, forse, il terzetto più spettacolare mai visto sui parquet NBA. Se vogliono arrivare fino in fondo, Wade, James, Bosh e compagni devono fare una sola cosa: correre, correre, correre. Gli Heat sono infatti quasi inarrestabili in situazioni di campo aperto e transizione, mentre nel corso della stagione hanno palesato una notevole difficoltà contro la difesa schierata. E poiché proprio la difesa è il punto forte della squadra di Doc Rivers, e visto che, in genere la somma dei giocatori in campo non fa il totale (il Real Madrid, calcisticamente parlando, insegna), la sensazione è che saranno i Celtics a spuntarla, anche se la serie sarà moolto lunga. Pronostico: Celtics

Categorie:Sport, Uncategorized Tag:, ,
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: