Home > Attualità, Fantasia, Mafia, Sport > L’ombra della camorra sul campionato del Napoli

L’ombra della camorra sul campionato del Napoli

dal nostro inviato – A volte capita che tutti lo pensiamo, tutti lo temiamo, ma mai nessuno ci crede veramente. Il più delle volte sono argomenti relegati al bancone del bar, il solo pretesto per quattro chiacchiere e poi via. Finché un’intercettazione telefonica, come quella che da stamattina rimbalza a più riprese su internet, ci regala una finestra sul mondo reale e, per l’ennesima volta, ci riporta alla mente considerazioni fino a ieri quantomai fantasiose conferendogli un’ombra di inquietante verosimiglianza. Ricapitolando, sembrerebbe che due importanti personaggi napoletani dei cui nomi conosciamo unicamente le iniziali, vere o presunte, C.L. e G.E., si siano scambiati reciproche rassicurazioni sul rendimento della squadra di Mazzarri, specialmente riguardo alle ultime giornate del campionato appena terminato, quelle successive a Napoli-Lazio del 3 Aprile. Secondo quanto riportato nella trascrizione, risalente al giorno successivo, il 4 aprile, C.L. era molto preoccupato dopo la clamorosa vittoria in rimonta del Napoli in quanto “mal gestita” e addirittura “pericolosa”. C. L. fa presente che “non ce putemm’ mica sputtanà accussì, quel gol l’hanno visto pure al parcheggio che era buono. E poi se gli dai o’ rigore non lo buttà fuori maronna mia…!” G.E., che stando al voci di corridoio, assolutamente non confermate, sarebbe un personaggio finito qualche anno fa nel registro degli indagati in merito ad un’inchiesta su partecipazioni esterne in associazioni camorristiche, risponde: “statt’ quiet, falli godè un poco a questi qua che poi ci penso io. E che cazzo, qua bastano due pareggi e so’ tutt belli e cuntent. E poi ci stanno pur quei due alla fin, ahivoglia!”
In buona sostanza, i due sembrerebbero sincerarsi dell’andamento del Napoli in relazione ad un giro di scommesse clandestine che dovrebbe garantire ingenti guadagni, a patto che non risultino vincenti le puntate sul Napoli vittorioso o, perfino, tricolore.

C.L.: “Uè… sol stamatin… 10.000…”
G.E. “Stamatin… e cert. So’ tutt cuntent. Quant’è?”
C.L: “Pur chiù e… quand’er?”
G.E.: “Eh… di febbraio… eh si. Beh là era ancor luntan, che er… nov’… rieci?”
C.L.: “Otto.”
G.E.: “Otto? Eeeeeh er luntan, ma è vist o no? E mo’ è e chiù, statt’ quiet.”
C.L.: “Eh ma rincell a Bauscià”.
G.E.: “Si nun ‘t preoccupà.”

Dalle prime speculazioni, sembra che i due si riferissero alla gara dell’ottava giornata di ritorno tra il Milan e il Napoli, terminata 3-0 a favore dei rossoneri, gara per cui avrebbero registrato puntate molto forti a favore di un Napoli in pieno entusiasmo; puntate però a questo punto inferiori a quelle che sarebbero state incassate grazie all’euforia dopo il rocambolesco 4-3 contro la Lazio.
Il resto è storia, effettivamente, risultati alla mano, il Napoli dopo quella partita è sembrato perso e svuotato già contro Bologna e Udinese per crollare poi contro l’Inter in casa (col Milan, va detto, già Campione d’Italia).
Nessuna ipotesi su chi si nasconda dietro al “Bauscià” attualmente sembra stare in piedi.
Una storia che, se si dimostrasse avere delle basi solide, avrebbe del clamoroso e che già riporta la mente a più di vent’anni fa, al chiacchieratissimo scudetto del 1987-88 perso dal Napoli nelle ultime giornate a favore, guarda un po’, del Milan; in giornata la società partenopea dovrebbe convocare una conferenza stampa, ma ad ora non si conoscono i nomi di chi vi prenderà parte. C’è comunque da registrare il silenzio del Presidente De Laurentiis e dei dirigenti azzurri, mentre con una breve comunicazione sul sito ufficiale la SS Lazio, per bocca del Presidente Lotito, si ritiene “indignata circa le speculazioni in merito all’integrità morale ed agonistica dei propri tesserati”.
Ci risiamo quindi, ecco che il calcio si prepara a regalarci un’altra estate di fuoco.

Seguono aggiornamenti.

Napoli, 09/07/2011

  1. st.pauli
    9 aprile 2011 alle 10:41

    Niente di nuovo da questo punto di vista. invece di calciopoli hanno dato vita a “moggiopoli”. come se lucky luciano fosse il solo responsabile di tutto.
    Ricordo che con l’ossatura di quella squadra condannata siamo diventati campioni del mondo. a distanza di un lustro sono sempre piu’ convinto che la Juve le partite le vinceva sul campo…per manifesta superiorita’.
    Quello che si è visto domenica è a dir poco scandaloso…camorra o non camorra.
    i vertici del calcio sono come i vertici del paese ormai e il gioco mi diverte sempre meno

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: