Home > Attualità, Suicidi in carcere > Suicidi in carcere, una vecchia storia

Suicidi in carcere, una vecchia storia

 

Ricerca dell’associazione A Buon Diritto: Suicidi in cella, record tra i giovani

 Hanno meno di 24 anni e condanne brevi: crollano soprattutto i reclusi che potrebbero avere una speranza

 La percentuale dei suicidi nelle nostre carceri è 17 volte superiore a quella che si registra nella società italiana. Questo dato, che riguarda il 2003, è uno dei più inquietanti nella ricerca che Luigi Manconi, Andrea Boraschi ed Elina Lo Voi hanno realizzato per l’associazione A buon diritto. La sua ricerca, estesa su tutto il territorio italiano, mostra che la tragedia dei suicidi nel carcere si è sviluppata con andamento costante dall’inizio degli anni 90. Nel 2003 ci sono stati 65 suicidi, su una popolazione carceraria di poco superiore ai 56 mila detenuti. In quello stesso anno il tasso dei suicidi, calcolato su 10.000 detenuti, era 11,2. Nel 2002 era 10,1. Nel 2001 era 12,7, 11,4 nel 2000. Nel 1993 c’era stata una punta del 12. I dati della ricerca forniscono indicazioni su cause e responsabilità.

“Nelle carceri sovraffollate – denuncia Manconi – ci si uccide molto di più di quanto si faccia dove la presenza dei detenuti non eccede la capienza prevista”. E infatti nel 2002, così come nel 2003, il 93% dei casi di suicidio si verifica in carceri sovraffollate. Più precisamente, nel 2002 il tasso di suicidio nelle carceri sovraffollate risulta di 4,6 punti percentuali più alto di quello rilevato negli istituti di pena non affollati. Un dato impressionante se si tiene conto che i tre quarti delle strutture penitenziarie italiane si trovano in condizione di sovraffollamento.
Altro dato che colpisce: “Nelle carceri italiane – spiega Manconi – sembra esistere un rapporto inversamente proporzionale tra la speranza di libertà e la propensione al suicidio. Si uccidono molto di più quelli che, per età e posizione giuridica, potrebbero sperare in una reclusione breve e in un ritorno alla società”.
In carcere ci si uccide nel primo e nel primissimo periodo di permanenza. Nel 2002 il 61% dei casi di suicidio riguarda reclusi da meno di un anno. Percentuale che nel 2003 sale al 61,9%. Nello stesso anno il 51,6% dei suicidi si verifica nei primi sei mesi di reclusione e, dato ancora più allarmante, il 17,2% nella prima settimana di reclusione.
Al contrario di quanto accade fuori dalle sbarre, in carcere a uccidersi sono soprattutto i giovani: nella fascia tra i 18 e i 24 anni i suicidi sono quasi 50 volte più numerosi che tra la popolazione non reclusa.
“Il dramma – spiega Manconi – è nella necessità di apprendere rapidamente, appena entrati, le strategie di sopravvivenza”. In Sardegna, dall’inizio del 2002 alla fine del 2003 si sono verificati 17 suicidi in carcere. Stesso record negativo si registra in Lombardia. “Il problema in Sardegna è l’abbandono in cui versano le strutture carcerarie – spiega Manconi -, mentre in Lombardia è il sovraffollamento. La situazione nell’isola è drammatica. Mancano gli agenti, gli straordinari non vengono pagati. Anche in Sardegna però esistono prigioni modello, come quelle di Alghero”.
La ricerca fa anche il conto dei suicidi che potevano essere evitati, quelli in cui il carcerato aveva già tentato di togliersi la vita, soffriva notoriamente di depressione e disturbi mentali o era stato in precedenza dichiarato incompatibile col sistema carcerario, come il detenuto paraplegico che ieri si è impiccato a Opera. Secondo la ricerca, nel 2003 i suicidi “annunciati” sono stati il 17,4% del totale. Nel 2002 il 37,2%.

Corriere della Sera, 27 marzo 2004

 

Passando a dati più recenti sono stati 50 i suicidi nel 2006,  45 nel 2007, 46 nel 2008, fino ad arrivare al 2009 che ha fatto registrare il numero piu’ alto di morti volontarie in carcere della storia italiana, 72.

  1. Anonimo
    23 dicembre 2010 alle 18:57

    basterebbe mettere in pratica alcuni servizi gia’ previsti dalla nostra legislazione. ad esempio il “servizio nuovi giunti” con cui si da assistenza psicologica all’utente nel primo periodo di detenzione (quello piu’ a rischio suicidio). Basterebbe inserire la figura dell’educatore nel carcere (figura prevista sulla carta ma quasi sempre assente all’interno del carcere). basterebbe cosi poco

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: